username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cosa avrei dovuto perché tu m'amassi?

Cosa avrei dovuto perché tu m'amassi?
Ogni cosa. O forse niente. Eppure come
bacia i teneri boccioli il sole e la notte
della rugiada che di nuova linfa bagnerà
le viti si fa tutrice nel cuore nero di Milazzo
senza chiedere null'altro che un pànico
silenzio - una commozione, tu (agile
gazza che per frutteti e vigne va e viene
e mai lascia segno), se a me avessi tenuto
a me non avresti chiesto che la luce chiara
degli occhi, quando ti guardavano dal buio.
Questa crudeltà che mi urge dentro fino a
morirne, ch'io da te mai sarei stato amato,
tanto più è vera quanto meno mi fa credere
in un amore che possa fiorirmi sulle labbra.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/09/2014 17:58
    Hai voluto esternare tutta la tua rabbia... Chiaro verseggio...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0