username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La menzogna

Lungamente aspettò l'astore che per i cieli
sfollati d'allegria si mitigasse, in un ràpido
soffio sulle ali, la torrida aria d'agosto.
Rapìto come sul ramo dall'oscuro Maroglio e
da quel silenzio profondo di scoglio ch'è
della notte, quand'altra cosa in sé non muta
ma si rafferma (così il dolore, la solitudine,
l'offesa) e fuori ad ogni vita che dal nulla
s'apprende tutto si cangia e pare un sogno.
Lungamente aspettò l'astore prima che il
breve racchiudersi degli occhi nei freddi
ventosi d'autunno per sempre annichilisse
anche l'ultima menzogna del mutamento.

 

1
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 09/09/2014 17:27
    Ben costruito il verseggio lungo e arioso, quasi discorsivo.
    La menzogna è l'attesa di un tempo mite" si mitigasse, in un ràpido/ soffio sulle ali, la torrida aria d'agosto " .
    L'astore ( rapace appartenente alla famiglia dei Falconiformi, simile allo sparviero ma di dimensioni più grandi ) è utilizzato come simbolo, al pari dell'albatro di baudleriana memoria. Il simboro rappresenta l'uomo a quell'uomo rapito dalla menzogna, incantato da un'astore ( doppio significato di questa parola ) ovvero da una personificazione di quel rapimento menzognero, carico di aspettative, dove si annulla " il dolore, la solitudine./ l'offesa ).
    I versi di questo autore hanno spesso il pregio di essere vellutati e avvolgenti ma, nel loro abbraccio, lacerano l'anima con la lama tagliente della cruda verità.
    Ps. se non si fosse capito, il significato di Astore l'ho guardato sullo Zingarelli e da lì mi sono partite le associazioni. Su questa poesia si potevano dire tante cose... io ho detto abbastanza ciao
  • Rocco Michele LETTINI il 09/09/2014 10:28
    Intenso e acuto verseggiare che lascia trasparire il bugiardo che rapisce la nostra quotidianità... IL MIO ELOGIO ANTONINO.
  • Verbena il 09/09/2014 09:45
    Molto bella "... per i cieli sfollati d'allegria..." ed ogni metafora
    aulica o pungente chiarisce il pensiero profondo dell'uccello
    che "annichilisse prima dell'ultima menzogna" Immagini forti
    d'anima come scoglio schiaffeggiato dal "dolore, solitudine, offesa". Complimenti anche per la fluidità dei pur complessi concetti espressi in versi armoniosi.

3 commenti:

  • Anonimo il 10/09/2014 11:31
    Incisive metafore e calzanti immagini poetiche, ben evidenziano il contenuto emblematico dell'opera abilmente costruita dall'autore. Testo piaciuto e letto volentieri!
  • Anonimo il 09/09/2014 17:28
    te pareva so anonima uffa manco i punti ahahhahhahha sono Silvia
  • Carolina il 09/09/2014 14:02
    bellissima; una metafora precisa della menzogna, che chiude gli occhi. complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0