PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incontabile

Davanti alle mie pupille
Tu pensi che le antiche leggi
Possano concedere una pausa
A profezie minacciose
E che i fabbri immortali
Lascino aperta la porta

A
Saluti brevi
Quasi l'omaggio ad una artista
Al suo splendore
Luminoso e verde

La notte è lontana
E l'attesa non può essere
Una tarda condanna
Ma
Io ho imparato altro
Da te
Il pensiero è nei suoni
Che non si possono contare.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/09/2014 11:36
    "L'attesa non può essere
    una tarda condanna:
    il pensiero è nei suoni
    che non si possono contare"

    L'amare non sa aspettare e incontabile è l'angoscia che ne deriva... Stupendi versi Roberto...

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0