PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mi arresi

... e dunque mi arresi
ai domani senza più ieri
Sì, ero stanca d'inseguirmi
su orme ormai cancellate
dai venti furiosi d'agosto.
Mi arresi.
e vissi straniera
trascinando i miei giorni fiaccati.

Mi arresi
mentre ancora vivevo
in brandelli di cielo
soffocati da nuvole nere.
E piangevo le rose
destinate ai ghiacciai
gli aquiloni annegati
dopo l'utopico volo
sulla spiaggia inventata

A chi
toccò l'inferno del sole
mentre il gelo rattrappiva la schiena
nelle notti impaurite?
A chi
il colore del miele addolciva le guance
e insaporiva la pelle?
A chi, mia, accarezzava le ciglia?
a chi
il cioccolato alla panna lasciò baffi sinuosi
dopo il pasto segreto?
Chi
nel pigiama biposto,
schiacciò la tua pelle nel sonno?
Con chi
respirasti il profumo dei gelsomini
fioriti dintorno?
Per chi
accordasti le note
solfeggiandole il cuore?
Di chi
sillabasti l'aurora nei tramonti lontani?

Mi arresi
e deposi le armi spuntate
nel tempio di Giano
sbarrando le porte
e piegandomi al Fato.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • eurofederico il 10/09/2014 07:18
    magari un po'lunghetta ma bella! se arrendersi vuol dire riuscire a voltar pagina e ricominciare... ben venga!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0