PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La voce dal cielo

Il tuo profumo aleggia in questa mia stanza
sei lontana, mi manchi
strana brezza serale porta l'ombra
parallelo preludio a notte solitaria.

La, nell'eterno buio, compare la mia stella
il tempo l'ha ibernata nell'universo
il suo luccichio m'attrae, silente amica
a lei da sempre confido i miei sogni
mi assiste dal cielo, guida sicura alla meta.

Ora so, non è nella sua luce la pace che vorrei
troppo pesante l'abbandono
solo nascondermi nel buio
altre luci ammiccanti, illusioni d'amore
frammenti riflessi in un agitato di notte blu
di preciso manifesta solo il minuto celato
l'ora dei silenzi che produce solo dolore
l'ansia del divenire è come un dono improvviso
cambiano i momenti raccontati in poesia
era solo un'instante fa, un ieri fulgido d'amore.

Ora alla stella ho gridato "ti amo "
attendo paziente l'eco della voce che viene dal cielo.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Verbena il 10/09/2014 21:50
    Tanto bella! Nella stanza l'atmosfera densa di desideerio e la luce di una stella lontana che brilla più delle altre.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0