accedi   |   crea nuovo account

L'eterna sofferenza

Soffre la persona umana,
doppiamente il pensatore.
Dalla finestra il vento, eseguiva bene il suo compito,
mentre mi fissava il cuore,
fissava ben al petto, mia sofferenza che è nostalgia.
Dolce vento, triste vento, accarezza miei tagli,
so che sempre osservi il sangue dal mio cuore,
scivolar fino a terra,
come verme,
a terra.
Eterna sofferenza, sei tu che differenzi,
l'irrequieto mio animo da altri spiriti,
il viver mio sì tormentato, e
la morte, mai una volta avviene, nella dolce vita umana.
Di guarir nessuna speranza per il nostalgico cuore,
addio, addio universali occhi che d'amor m'han drogata.
Solo morir può esser salvazione,
per animi come me, che quiete stabile non han conosciuto.
M'opprime l'animo, mi sopprime libertà il controllo,
che sempre odiato da me è stato,
ma mia arma in mano libero renderà mio spirito sensibile.
Comandanti, morite tutti, morite tutti!
Come pane cerco ovunque l'alto valor,
che l'animo eleva fino all'empireo,
che l'animo eleva fino a costellazioni baciar.
Che gli schiavi stiano in basso e zitti! Essi dicon realmente.
Essi dicon la libertà, ma l'han sol dipinta su quadri e vetrine;
cara umanità,
nella ricerca, ben posta è la verità.
La tristezza che avverto non è definita, non è nitida,
a capir non riesco la parola che essa descrive;
l'eterna sofferenza fa morir lucidità,
è forse alcool,
che ubriacar fa il mio cuore, di un'inamovibile nostalgia.
Dalla finestra il vento, malinconiche melodie e
dal mio cuor passione e ribellione e l'anticonformista amore.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Donato Caione il 10/09/2014 20:18
    Bellissimi versi, la sofferenza fa parte della vita, ma il pensatore e l'artista soffrono doppiamente, come tu dici. A volte non è facile pensare, per esprimere le proprie sensazioni. L'animo umano è un pozzo di emozioni.
  • Caterina Russotti il 10/09/2014 18:45
    Poesia molto bella che analizza con sofferenza e ribellione la nostra società. Una libertà cercata e voluta negli anni passati e che stiamo oggigiorno perdendo. Bellissima! brava

1 commenti:

  • manuela tosti il 12/09/2014 20:35
    Molto vero Caterina, ci distraggono con invenzioni inutili, e intanto alti valori come ad esempio la libertà, ce li stanno passo passo "abbassando" o meglio togliendo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0