accedi   |   crea nuovo account

A mardicenza

Se ci stà na cosa
che me fa 'mbestialì
so e mardicenze
che arcuni fonno a iosa.

Come lu formaru sforna
lu pane
sti tizzi, gni dì
impastanu indecenze
pe ruvinà e persone.

Sti diavuli co tantu de corna
nun avenno un cazzu da fa
'nvece de sviluppa lu cervellu
stonno tuttu u jorno a ciavolà

e nun risparmieno nisciunu
dallu tristu allu vonu.

Cusci anco a me capita
de sentitì parlà
de cose
che son de casa mja
e me tocca lu cervellu spreme
pe capì se so vere o so na vucia.


È che nemmenu co lu pensieru
avria immagginatu
quelle cose a fa
e trovamme ad indussà
un vestitu ad arte cucitu
dalle lengue che tajeno e cuceno
ma fa propio 'ncazza.

Che la lengua je se possa seccà!

Tantu so disgrazziati
miseri e falliti
e forse prestu morenu
perchè
come lu dittu anticu dice
l'undicesimu comandamentu:
campa cent'anni
e vive felice
chi se lava de casa sua li panni
chi se fa li propi impicci
e nun mette lu prossimu ni pasticci.!


12

1
3 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ignazio de michele il 12/09/2014 20:35
    indubbiamente, anche nel vernacolo il tuo fraseggio non perde vitalità, anzi... veste di un paludamento speciale i fatti che descrivi... circa la stesura, che ci vuoi fa, a certa gente non rimanendo altro da fare nella vita, si dedica a spargere semi di patente scemenza ma, basta aspettare... prima o poi, li vedrai passare... brava!
  • Francesco Andrea Maiello il 11/09/2014 13:42
    In lingua italiana o lengua dialettale è, parimenti, bella e significativa!
  • Rocco Michele LETTINI il 11/09/2014 05:59
    Una sublime strofa come chiusa che scaglia la sua pietra contro questa scassona... IL MIO ELOGIO LORY E LA MIA SERENA GIORNATA
  • roberto caterina il 10/09/2014 20:50
    carina molto Loretta questa tua poesia che riprende l'idioma umbro con il tono di una fiaba o di una filastrocca...

3 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 18/09/2014 22:33
    Lorè, nun ce penzà ...
    "Tantu so disgrazziati
    miseri e falliti"
  • Fabio Magris il 14/09/2014 19:04
    Me la sono proprio gustata questa tua. Comprensibilissima anche se sono di altra regione. Bene fai comunque ad aggiungere la traduzione perché in tal modo del significato non va persa neppure una sillaba. Complimenti davvero.
  • Ellebi il 10/09/2014 23:45
    Molto bella davvero pure in italiano, seppur immagino che il dialetto sia più appropriato per questo genere di composizione. Complimenti e saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0