accedi   |   crea nuovo account

Il lamento dello scienziato

La fortuna nemica si lascia inseguire,
in questo viaggio tan lungo che,
infinito,
mi pare.

La solitudine, che al ritorno, (sempre puntuale!)
mi accoglie alla sera, mi ricorda chi sono io ora,
e chi ero io,
prima.

Ma i lunghi anni di fatica,
a chi li ho prestati, no, questo non lo ricordo più.

Se oggi mi vedi sorridere caro amico,
è perché non sto pensando.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Alessandra il 14/09/2014 20:51
    Davvero bella, scritta molto bene.
    Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0