username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La coturnice

Erano il sogno e la notte imbevuti del sangue
nero della coturnice, quando decisi di lanciar
mi come nel vuoto dalla paura di vivere e
d'amare, incauto per abbracciare uno spettro
dall'angelico volto di donna che mi chiamava
sul balcone come da un remoto eden nella
penombra acerba e silenziosa, alla mezzaluna.
Così pareva poi che veramente lei mi baciasse
sulle labbra già terse di lacrime. Così pareva
poi che lei mi si fosse legata al cuore, anima
nell'anima, a dargli nuova e più bella vita.
Ma per poco la gioia mi fu amica. Il tempo
che la coturnice tornasse a intonare il suo
stridulo richiamo di morte ed io sul cuscino
bagnato a vergare dell'ennesimo sogno.

 

5
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/09/2014 21:55
    " Eppure talvolta mi accade di sognare, ma senza mai perdere per un solo istante il vivo senso della mia personalità..." tratto dai Canti di Maldoror di Lautreaumont.
    Nel viaggio della poesia il sogno è lo spessore della sua verità.
    C'è bisogno di spalancare le finestre, di abbattere le porte, di far saltare i legacci e i legacciuoli che imprigionano l'anima selvaggia, che nascosta come un animale ferito emette sibili come urli lancinanti. La visione è come un miraggio nel deserto emotivo di questa fottuta solitudine rumorosa, in cui ci dibattiamo come tanti polli in batteria. L'amara costatazione è il risveglio dovuto allo scalpiccio umido dei pensieri.
    " ... Allor d'angoscia
    gridar volendo, e spasimando, e pregne
    di sconsolato pianto le pupille,
    dal sonno mi disciolsi. Ella negli occhi
    pur mi restava, e nell'incerto raggio
    del sol vederla io mi credeva ancora "
    Ultimi versi della poesia Il Sogno tratta dai Canti di Giacomo Leopardi.
    Mi piace mettere in relazione la poesia nel tempo e nello spazio, perché la poesia non muore mai- vive in noi sempre e comunque. ciao amico Silvia
  • Rocco Michele LETTINI il 13/09/2014 13:17
    Un sogno d'amore d'un ricordo che si fa malinconia... FELICE WEEKEND ANTONINO

4 commenti:

  • LIAN99 il 14/09/2014 09:20
    Semplicemente stupenda; emozionante e suggestiva va a toccare le corde più profonde della sensibilità dell'animo. Bravissimo.
  • Anonimo il 13/09/2014 21:56
    lo sapevo che uscivo anonima proprio gli sto sulle palle a sto sito si vede ahahahhah sono Silvia Leuzzi se non lo avevi capito
  • Anonimo il 13/09/2014 21:55
    lo sapevo che uscivo anonima proprio gli sto sulle palle a sto sito si vede ahahahhah sono Silvia Leuzzi se non lo avevi capito
  • Vincenzo Capitanucci il 13/09/2014 16:54
    stupendamente scritta.. bravo Antonino...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0