PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

D'avversion incontri

Guardando a quel passato nostro
a quel tempo di giovani studenti
s'ascolti piena ragion oggi ti devo
già oltre il cammin dantesco giunti.
Pur non bella ma carina ricordo
mi piacevi ma anche ricordo che a te
quell'incontrar mio d'avversione fosse.
Se ti guardavo e se ti sorridevo lesta
la mano ti coprivi il viso, se ti seguivo
forte correndo lontano ecco che fuggivi:
quanti tra noi di questi incontri scontri?
Mi rivedo oggi così ahi povero frescone
quel non voler capire qual vana fosse
ogni corresponsion di sguardi e sentimenti
che come perduto il senno per tempo s'agitò
quel mio maldestro agire così ragion forte

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0