accedi   |   crea nuovo account

Mi sbagliavo

Mi sbagliavo il mio cancro non è morto,
è solo sparito per ricomparire più forte
e bruciare tutto ciò che semino nel mio orto,
ma la tua presenza determina la mia sorte.

Tu sei il sole che il illumina il mio cuore,
quando sto con te in me c'è il giorno
perciò sono quasi sempre di buon'umore
ma è l'opposto se non ti ho attorno.

Senza di te ritorna la notte più nera,
ritorna la luna che congela il mio cuore
fino a farlo bruciare come cera
cincondandolo con le tenebre del dolore.

Con te il tempo scorre come le gocce di un cascata,
mentre senza te riesco a contare gli incandescenti granelli
di una clessidra bruciata e intagliata
da un gruppo di angeli ribelli.

Vicino a te non desidero altro che mi baci l'angelo
che riesce ad illuminare il mio cuore
lontano da te spero che lo faccia l'altro angelo
che con la sua falce può tagliare il mio dolore.

In fine ti bacio perchè non resisto
percio penso e temo
che prima o poi non resisto
e bacio anche l'angelo nero.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • augusto villa il 02/10/2007 16:34
    Bella, molto bella!
    Intensissima!
  • laura cuppone il 28/09/2007 11:00
    intensa... sentimentale, struggente..
    manca l'aria, eh Nello... sì, manca l'aria!
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0