PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vuoto

Morto
tutto spento

giaccio su un prato
che ha la vena
malinconica e poetica
dell'attimo
tra la fine di un temporale
e l'arcobaleno

Parole fredde
che infrangono
Come un presagio

Una vampata di calore sul viso
Un vuoto nel petto
l'assenza
di emozioni

Dimenticatemi
per un giorno
Voglio star sola
nella mia barriera
Dove ho spazio
per il mio vuoto soltanto

Ho perso uno scopo
i sogni
e il bel futuro
che avevo dipinto e plasmato
E poi ritoccato
ogni volta che lo dichiaravo
Finito.

 

3
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/09/2014 17:56
    O via, mia cara, chetati un pochino e guardati intorno. Hai una bell'anima a scrivere in codesti versi e continua a ritoccare i colori che la vita è bella!
    Un abbraccio.
  • Rocco Michele LETTINI il 16/09/2014 07:16
    Dal tuo vissuto... il malinconico che turba la tua quotidianità... Coraggio Maria... SERENA GIORNATA
  • Donato Caione il 15/09/2014 20:55
    Il titolo descrive molto bene lo stato d'animo. Versi tristi ma sentiti,
    e il rifugio nella solitudine, spesso salutare e liberatoria.

3 commenti:

  • Maria il 16/09/2014 20:21
    Grazie mille per il supporto e tutti i bei commenti; mi aiutano molto! Un abbraccio!
  • Domiziana Gigliotti il 16/09/2014 19:16
    Attimi di vita ed emozioni profonde che si stringono nel petto di un animo sensibile. Saluti.
  • Anonimo il 16/09/2014 18:05
    Maria,
    qui nessuno è uso insultare gli altri, ma è possibile che ci sia qualche eccezione, però guardati da chi ti vuol dare lezioni ad ogni costo.
    Continua a farci leggere di te.
    Un abbraccio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0