PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Abisso di consapevolezza

Malsano il compiacimento
che in fondo s'insinua
nell'ora in cui crediamo
d'aver agito al meglio:
vette di coerente impegno
mai sono pari al dolente
abisso di consapevolezza
che siamo servi inutili.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 16/09/2014 22:31
    Ben verseggi oh mio buon Maurizio in merito alla consapevolezza. Accosti bene il concetto di abisso alla presa di coscienza di quel che è la vera natura delle cose, di noi stessi. Solo l'arte può darci il piacere dell'Unicum e del Pulcherrimo - sono mie strambe invenzioni non ci far caso. Molto bella Ciao

3 commenti:

  • Anonimo il 07/07/2015 21:00
    È bello leggere di un'altruista che sente di non essere utile abbastanza... Non condivido il tuo sentimento, ma mi piace questa diversità...
  • Anonimo il 17/09/2014 09:53
    I versi del Cortese si nutrono spesso di affetti e di idee morali, sociali, sempre attinenti ai tempi moderni costantemente meno razionali e tenacemente più egoistici. L'immaginativo poetico di questi versi ci porta a considerare l'impegno di chi gestisce la cosa pubblica; impegno che dovrebbe essere concepito come servizio, disponibilità, partecipazione, ma che sfocia nell'interesse personale e nell'individualismo. Siamo lontani miglia dal concetto di servitù predicata dal figlio di Dio. Non solo l'abisso di consapevolezza, ma la consapevolezza dell'abisso che ci circonda.
  • chromocarme il 16/09/2014 17:49
    Sensazione fin troppo familiare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0