PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A te

Le mie mani
non sono diga
eppure le immergo
come se fossero tavole
che deviar possono
il corso del grande fiume.
L'acqua passa tra le mie dita
sovrasta i miei innocui palmi
mi urla il suo linguaggio ignoto.
Che vita sarebbe quella di lasciarsi scorrere
addosso un fiume, restando adagiati nel suo letto?
Perciò combatto conflitti dall'improbabile esito
vivo sogni che nessun altro sogna
ma nemmeno tento l'irrequieto sonno
sotto milioni di metri cubi d'acqua!
E dal momento che il tuo respiro è parte del mio
e che i tuoi occhi assomigliano ai miei
e che il mio cuore è legato per sempre al tuo
ti dico incondizionatamente: "ti amo!"
E sai perché? Perché sei mio figlio!

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 18/09/2014 21:43
    Il legame genitore-figlio.. un'amore incondizionato. È bello vedere che c'è chi lo esprime scrivendolo, quasi come a voler gridare al mondo intero la propria gioia per un figlio. Tuo figlio sarà sicuramente felice di avere un padre come Te. Grande Fabio!

2 commenti:

  • Rosarita De Martino il 27/08/2015 20:06
    È commovente l'amore di un padre che sa rispecchiarsi negli occhi del figlio. Con simpatia. Rosarita
  • bruno guidotti il 19/09/2014 09:14
    Che titanica lotta, sentimenti contrastanti che si combattono per la vittoria finale, poesia dalle forti emozioni.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0