username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Malta

Mi accorsi che c'ero finito dentro quando Marie alzo' gli occhi e resto' ferma.
Fu un attimo, ma ancora non capii.

Poi arrivo',
Era il primo,
Poi il secondo,
Poi due insieme,
Poi uno piccolo,
Poi ancora e ancora,
Ancora.

Rimasi immobile,
Fermo il respiro che neanche la polvere di tempo poteva passare.

Ma il tempo passo',
La piccola figlia dei Glover piangeva già',
lo sentivo ma ero ormai in un altro posto.

Corpi.
I corpi.
I corpi sono tutti uguali quando muori in acqua.

Non c'è alcuna moneta.
Il corpo e' il game-over del mondo.

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • francesco contardi il 21/09/2014 11:22
    molto bella davvero! complimenti

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 21/09/2014 10:21
    profondo viola.. fin de partie.. bisogna chiedere a Marie.. un'altra monetina... e cercare di giocarsela meglio.. senza andare in un prematuro tilt...
    ...
    piaciuta molto.. bravo Emanuele... Malta..
  • Marianna il 21/09/2014 10:00
    Tangibile e reale. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0