username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Etereo utero materno

Etereo utero materno
riecheggia nei meandri soffusi
dalla porpora rosea del grembo;

Etereo utero materno
tutto tace sugli scriccioli di vita, illusi,
noi dalle colpe pesanti come piombo

io navigai, ma ora scivolo, cado, perdo.

Etereo utero materno
una sola uscita: la vita,

mi stravolgo il respiro risucchiata dal lembo,
estremità floreale, allucinazione, rossa terra:
ennesima rotazione, un giro su me stessa, dinamica

terrena.

Real mar freddo
flaccido oceano di madre mi lascia
e si gonfia l'aria in accesi colori
che non comprendo:
dell'odore di madre è avanzata una lieve scia,
adesso anch'essa volerà via.

Eterno utero materno, t'avverto
tu madre come irrimediabile
meschina solitudine. Mare, t'amo,

ridona me il fetale tuo profumo o meglio Morto,
già s'innalza l'onda sociale, invalicabile, prestabilita.
Olfatto che disperato cerca calore nel respiro,

Dall'origine lo cerchiamo, poi dimentichiamo e
ormai ci tento, ma più non sento
il petalo rosso che somiglia

al tuo grembo.

Etereo utero materno,
ogni tanto è lì che penso
quando nemmeno la voce che nella gola

s'attorciglia ha il coraggio di dir

''Madre Mia, T'amo''.

Crudo principio dell'Onda
che stravolge
e mai

Ritorna

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 23/09/2014 05:55
    UNA FANTASTICA POESIA...
    Ritorna, oh madre mia! Lo fai intendere pienamente...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0