PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il corpo

Un giorno Voi direte
I sogni non esistono
Sono la vena nascosta
Di immagini perdute
Ancor prima di essere viste

Ma io
So che gli occhi abituati al dolore
Sono così vicini all'operare divino
Da abbandonarsi all'incomprensibile

E il corpo è solo un momento
Fedele
Al possibile

 

3
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/09/2014 08:08
    Un verseggio che considera l'incomprensibile realtà che ci circonda... e solo il corpo ne è fedele testimone al momento... non gli resta che mutar gerenza... SERENA GIORNATA ROBERTO
  • Vincenzo Capitanucci il 24/09/2014 07:31
    Splendida Roberto... Sono così vicini all'operare divino
    da abbandonarsi all'incomprensibile... ed il corpo è un flessibile dell'impossibile...

2 commenti:

  • karen tognini il 24/09/2014 14:55
    Bravo e profondo come sempre... complimenti Roberto...
    Ma io
    So che gli occhi abituati al dolore
    Sono così vicini all'operare divino
    Da abbandonarsi all'incomprensibile

    E il corpo è solo un momento
    Fedele
    Al possibile
  • loretta margherita citarei il 24/09/2014 11:06
    bella riflessione, bella poesia, piaciutissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0