PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Notte

È notte senza luna e il buio è fitto,
le stelle scintillanti son lontane;
si sente il gorgoglio delle fontane,
nel sonno cessa in tutti ogni conflitto.
È pausa di ristoro!

I sassolini come chicchi d'oro,
risplendon di colori e tutto tace;
neppure un cinguettio, dormono in pace
gli uccellini scaldandosi tra loro,
nella paglia dei nidi.

Affondi nel piumino il capo e ridi
Sogni gli angeli, danzi tra le stelle
cantando in girotondo tarantelle;
il risveglio è tra i pini e bianchi lidi
lungo l'azzurro mare.

T'accorgi d'esser libero e d'amare
come mai fu la vita tua finora;
il cielo che s' illumina d'aurora
al mattino ed il giorno fa sognare
il paese della gioia.

Non senti più stanchezza, tedio, noia
tra le braccia di chi t' ha amato tanto,
risuona nel tuo cuore come un canto,
tra le alte fronde verdi di sequoia;
il dolore hai sconfitto.

 

5
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 25/09/2014 07:22
    Una dolce e tenera poesia... Sarà il calore della notte che tutto consola risollevando dalle meschinità del giorno... SERENA GIORNATA

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 25/09/2014 17:50
    molto tenera apprezzatissima
  • Verbena il 25/09/2014 12:40
    Cari amici grazie per i vostri bellissimi commenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 25/09/2014 11:13
    è notte di illuminazione... e senti il canto del beato.. sostituirsi alla voce degli usignoli...
    ...
    molto bella Verbena...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0