accedi   |   crea nuovo account

Profumo d'autunno

Autunno,
lo sentiamo nell'aria
carica di smog
intorno a scuole cadenti.

Autunno,
lo vediamo nell'orizzonte violaceo
di masse di operai
davanti ai chiusi cancelli.

Anche con l'articolo diciotto
siamo tornati a mangiare pan cotto
davanti a stufe a pellet
ché il legno l'abbiamo fumato
e il futuro bell'e giocato.

 

0
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 28/09/2014 05:53
    Attualità di presente poco chiaro e futuro nebuloso. La cultura perde di valore e le attitudini non vengono aiutate a progredire, si va.
  • Rocco Michele LETTINI il 25/09/2014 20:12
    Un autunno di rabbia... doverosamente considerato...

3 commenti:

  • silvia leuzzi il 28/09/2014 18:22
    Caro Antonio il nostro triste quotidiano la poesia cerca di non dimenticarlo e di sublimarlo... certo ci vorrebbe un altro poeta. Grazie del tuo commento
  • silvia leuzzi il 25/09/2014 22:22
    Ultimamente gioco molto con la rima soprattutto quando il tema è molto pesante. Grazie Alessio e grazie Rocco per il vostro commento a rileggerci
  • oissela il 25/09/2014 20:49
    Molte scuole vanno letteralmente a pezzi e lì si dovrebbe costruire il futuro del Paese. Nonostante la bagarre politica, a pagare i guasti del passato, saranno i soliti poveracci.
    Componimento denuncia. Ben fatto.
    Oissela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0