PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per chi è rimasto

Dal vicolo al viale
Questo luogo
Puzza

Puzza di
Stanchezza
Di cose morte
E mai sepolte

Di notte le belve
urlano e si
ubriacano, fanno
violenza, orinano
in piazza

Si vive nel letame
Insieme alle bugie
Senza fiducia
Inseguendo il
Giorno
Dubitando dei
santi.

 

2
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 18/10/2014 14:34
    una poesia-specchio... così "orrendamente" reale... Vincent sei un grande!
  • francesco contardi il 26/09/2014 11:36
    è una poesia specchio questa tua. Io sono giovane e vivo la sera, e mi dà tremenda tristezza vedere ragazzi della mia età divertirsi facendosi del male.

5 commenti:

  • Matteo il 31/12/2014 11:44
    Vero... ma è anche vero che ci sei tu. Ci sei tu con i tuoi versi. E se permetti non è poco. Ti auguro un felice 2015.
  • Chira il 14/10/2014 06:45
    A distanza di tempo posso capire... Mi dispiace.
    Chiara
  • giuseppe gianpaolo casarini il 26/09/2014 09:34
    Bella e profonda considerazione..
    bravo!

    ggc
  • Vincenzo Capitanucci il 26/09/2014 08:21
    Quando sarai nel tuo letto e sentirai l'abbaiare e il latrare dei cani che si stanno divorando tra di loro... nasconditi sotto la tua coperta ma non deriderli... anche loro come me.. come re.. come tutti gli umani dalla figura lunga e pallida... hanno un fame insaziabile d'infinito... di Isodore Ducasse... les chants de Maldoror...
  • roberto caterina il 26/09/2014 07:24
    L'orreda visione di un presente menzognero...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0