username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Bandiera bianca

Sul dorso s'è scagliato il Contrasto,
lo sento alle spalle seppur da me mantiene
la distanza d'un angolo non più smosso dell'acutezza
quando egli dal labbro si sposta e s'arriccia.

Nella staticità mi pare d'aver portato,
ma mai sorretto, il grido costante
del Fossile Roccioso che in vita
crede d'esser stato mio cura;

e si trasforma fulmineo in vertigine
questo mio scoprir con la torsione
che del nero ancora tu ti cibi,
fagociti anche me, per poco.

Mi sposto e barcollo tra il peso tuo
ed il vuoto che dinnanzi a me,
si lucida gli occhi. In tasca, la morte:
pugnalerei al cuore la Gravità.

Scricchiola il terreno sotto le suole,
ed il mio complicato sistema di tubi
si ritrae verso L'Antica Massa poiché
disgustato dallo sfondo che ondeggia.

Ennesimo lago di sangue che solo è risorto
nell'ingiusta battaglia dei vinti;
sbranarsi tra rabbiosi ed insani
nell'inadeguato campo di battaglia:

La carne mia è aspra, ed i muscoli son contratti...
non vi è luogo per la mortal mossa,
né comodo rifugio tra le mie viscere
per potervi riposare dopo la sconfitta.

Bandiera bianca
sventola
stanca.

Il mar mosso su telo si perpetua

instancabile tra il profondo respiro
di colui che sul corpo mi pesa
senza nemmeno sfiorarmi

ed il precipizio ingordo
d'ogni contorno indefinito:
per mancata nitidezza ho perduto

il mio occhio.

12

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 28/09/2014 11:19
    Una lirica poetica, di poetici versi
  • Giulia il 28/09/2014 09:21
    Ti ringrazio Vincenzo..
  • Vincenzo Capitanucci il 28/09/2014 04:26
    io Fossile Roccioso... Gravità di Antica Massa.. mi dipingo di quel che Cerco... molto bella Giulia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0