PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Povero vecchio Cristo

Povero vecchio Cristo d'infanzia,
quello che pendevi sul mio letto
per la futura memoria
di chi sa sempre prima il dopo.

Hai perso il solenne rosario.
S'è consumato il legno della croce
è rimasto il tuo corpo di metallo,
fino e lacero che si contorce,
come se anche la materia
conoscesse il dolore.

Stai ammassato
fra vecchie cianfrusaglie di ricordi,
spezzati e contorti come i sogni,
tra rimasugli di legno
di quel che era la tua croce
che forse hai passato a me..

Ma questo non mi piace
non te ne avere!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 30/09/2014 14:52
    questo poesia è bella perchè c'è il tuo io, la tua visione del mondo, eppure sa di universale, perchè parla a tutti e poi... e poi, e poi adoro il muscoglio del tempo!
  • Antonio Garganese il 28/09/2014 13:04
    Ognuno ha diritto di vivere il senso religioso come crede. Il tuo vuol dire dignità.

13 commenti:

  • augusto villa il 07/10/2014 00:00
    Eh beh... la Chiesa è un po' come come i Queen... Senza Freddy Mercury...
    Quanto manca la sua impronta!
  • silvia leuzzi il 01/10/2014 08:04
    grazie dolce Fri tu mi conosci bene
  • Anonimo il 29/09/2014 16:18
    I dogmi della Chiesa sono le leggi di Cristo applicate. Come in tutti gli stati, mi pare. Ma basta scegliere "liberamente" se stare con Lui o meno. Io condivido questa religione proprio perchè sono libero di appartenervi o meno. Se dissento in qualcosa devo solo decidere se condividerla oppure, logicamente, uscirne fuori. Sarebbe comodo aspettare che vengano cambiate le leggi che non mi piacciono. So anche che posso ritornarvi quando voglio e sarò sempre perdonato.
  • silvia leuzzi il 29/09/2014 12:26
    Sai Nino io non seguo nessun altro che la mia coscienza... e sicuramente ci riesco poco e male. Dove parlo di oppressore non mi riferisco a lui ma hai dogmi opprimenti della chiesa cattolica, che ora sicuramente si stanno alleggerendo.
    Ellebi vedo che hai capito perfettamente il senso della poesia, grazie. Grazie anche a Donato per il suo commento e nuovamente grazie a tutti tutti un abbraccio gigantesco per voi
  • Anonimo il 29/09/2014 07:44
    x Silvia
    Non ho capito. Seguire Cristo non è seguire opinioni o pareri di altri. Seguirlo è solo un impulso interiore proprio di noi stessi e solo di noi stessi. Chi si può sentire oppresso da un Tale che parla ed ha parlato solo d'amore?
  • Ellebi il 29/09/2014 00:30
    Una poesia per niente religiosa (un povero Cristo finito fra cianfrusaglie di ricordi e sogni spezzati), naturalmente, ma la composizione è attenta e i concetti incisivi. Malinconica alla fine, come se ancora quel povero Cristo, suscitasse dei rimpianti. Esilarante invece è il commento che: "Cristo era un brav'uomo davvero!". Un saluto
  • Donato Caione il 28/09/2014 22:23
    Io credo che spesso i dogmi e le varie dottrine religiose svuotino il senso della fede, che ritengo una cosa molto personale e libera dai vari dogmatismi di cui sono pregne le religioni.
  • silvia leuzzi il 28/09/2014 22:10
    Grazie Salvo, sicuramente Cristo fa parte del nostro immaginario sia nel bene che nel male. Nessuno ci dispensa fortune o disgrazie ma sicuramente la natura non è poi così giusta. Ma qui ritorniamo alla natura Matrigna di leopardiana memoria!!!! Infatti il buon Giacomo solo ora lo capisco davvero. Ciao
  • salvo ragonesi il 28/09/2014 19:42
    Avolte le addossiamo tutte le colpe ma non credo sia cosi almeno per lui che era un brav'UOMO Cara silvia. comunque bella la poesia in se ben strutturata.. ciao. salvo
  • silvia leuzzi il 28/09/2014 18:55
    Sai Nino la fede è una cosa personalissima e rispettabilissima. Quel che la inquina sono le dottrine e Cristo o chi per lui, nonostante non lo volesse assolutamente, è diventato portabandiera di oppressioni, le stesse per le quali lo avevano crocefisso. Ciao
  • Anonimo il 28/09/2014 18:49
    Secondo me Cristo non è nemmeno un uomo, pensa.
  • silvia leuzzi il 28/09/2014 18:24
    Grazie Antonio e grazie Nino... la religione? mah non sappiamo, certo Cristo era un brav'uomo davvero!
  • Anonimo il 28/09/2014 17:54
    Non se ne avrà, aggiungerà un'altra spina alla sua corona.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0