PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Aria, di ieri

chi
non è stato giovane e
pur sapendo che l'eternità non esisteva
cercava, una bomba d'amante di nazionalità diversa
sotto le luci della discoteca impregnate di chimica...
con le mattonelle sempre troppo grandi
come i fiori nei cannoni, gli accordi in bemolle e diesis
magico cocktail, che ubriacava la gioventù sessantottina
in scia di viaggi in sacco a pelo, cieli stellati
e libertà cucita addosso
da Messer Adrenalina, ottimo sarto Vitae senza limiti
con la stoffa Avventura
chi, non si ricorda
che l'eternità non è mai esistita ma...

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 02/10/2014 19:05
    La voglia di avventura, i nuovi locali, le pettinature alternative, la scoperta del mondo dei giovani che prima mai era stato preso in considerazione. Non ricordo gli anni 60, non ero nato ma lo hai delineato con una bella poesia. D'autore. Complimenti.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0