accedi   |   crea nuovo account

Dulur passat

Ch' mal' e cap' teng
me sent quas nu sveniment,
ma me facc curagg
e me rong nu pezzc n' gopp a panz,
aint a sta cap se sent Pullcnell
che s'appicec cu nu mascalzon
però ce stann pur Culumbin, Arlecchin e Balanzon
che fann o tif pe chill amic c'a d' Napul é o' re,
e chian chian o dulor e cap s' n' va
sapenn già
c'a alla fin tutt quant farann pac
attuorn a na tavl chin e piatt' e spaghett e d' vongl verac.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Salvatore Arianna il 18/05/2009 20:45
    T' rispong a tono e ti dico che mme piaciut assaje...
    Song e Napule paesà e ammor pe sta città
    è rint o cor' e nu fernisce mai. Sta bben

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0