PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una domenica d'Inverno sul lago

Odor di caldarroste sulla piazza,
via/vai di gente giunta dall'interno;
nei giorni di domenica d'Inverno
sul lago a festeggiare, d'ogni razza,
la pausa dal lavoro.

Per i cinesi, come a casa loro,
i colori vivaci di cultura,
senza pretese vendono con cura,
le nostre belle cose come l'oro,
palloni colorati.

Ed i prodotti nostri contraffatti,
a basso prezzo vengono venduti.
Perfino dei Vatussi son venuti:
Altissimi ed aitanti son passati
bellissimi africani.

Candide statue tendono le mani,
occhi di marmo, immobili e distesi;
passanti da stupore sono presi
per lo sforzo e fatica, fin domani
fermi, per un panino.

Chiedono la moneta nel piattino,
nascosto, il loro cuore è tanto triste,
si adegua con mitezza e non insiste;
all'apparenza pare un burattino,
che ridere non sa.

 

4
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 05/10/2014 16:43
    Fotogrammi invernali nitidamente zoommati... nelle sue beltà e nelle sue commiserazioni...
  • Anonimo il 05/10/2014 14:47
    Bella poesia, buona tecnica... piaciutrissimo quel quinto verso indipendente dalla quartina ma atto a suggellarla. Anche bel contenuto... sei proprio brava... ma tieni conto del fatto che la poesia non è proprio la mia specialità, non vorrei essere criticato come buonista...è già successo... ahahahah... continua così, ma anche in prosa eh!... ciaociao.

1 commenti:

  • Verbena il 05/10/2014 14:54
    Grazie Giacomo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0