accedi   |   crea nuovo account

Luna

Sei bianca e rotonda
stanotte luna
e il tuo chiarore
disegna nera la città.
Ombre sulla via;
solo là in fondo, dove la curva
cela il proseguire,
scende il cammino
sulla riva del lago:
una lanterna,
barche colorate
e l'incedere regale
dei cigni, azzurrino
sotto il tuo raggio
chiaro, sull'acque,
a collo chino.
Quieta serata invernale,
e il palpitar di vita
nelle case indovino,
calde d'amore,
silenti di dolore;
vive e tese al divenir
del giorno nuovo;
promessa di vita
e di continuità.
Or che sei nota,
conosciuta, saputa,
hai un po' perduto
l'arcano fascino ispiratore!
L'occhio umano
ti dissacra
voragini e pianure,
ma ancora sei per noi,
dolce ed attraente,
lampada struggente.
Senza te non sono
i mari e buie le notti.
Senza te questa nostra
Terra non sarebbe,
Luna!

 

5
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 06/10/2014 07:25
    Una lirica a la luna in un corredo esemplare... Meravigliosamente poesia... SERENA SETTIMA VERBENA
  • Anonimo il 06/10/2014 06:17
    Molto bella Verbena... originale versione del nostro stupendo satellite... un marinaio come me non può che essere legatissimo alla Luna... bravissima anche nella versione di poesia libera, diciamo così, non solo costruita in rima... piaciuta anche questa forma più moderna. Sei un bell'acquisto per PR... mi raccomando, non trascurare la narrativa, ce n'è bisogno... holahola.

7 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 13/10/2014 21:47
    Bella e delicata questa tua lirica dedicata ad un'amica che da sempre ci emoziona...
  • Verbena il 07/10/2014 19:11
    Ringrazio ognuno di voi per i bellissimi complimenti. Vi stringo in un amicale abbraccio.
  • loretta margherita citarei il 07/10/2014 19:06
    bella ode alla luna, testo godibilissimo
  • Verbena il 06/10/2014 10:26
    Abito in questi anni di anzianità sul Lago Maggiore. La mia città era Milano dove sono cresciuta dall'età di sei mesi, provenendo da Bari, dove sono nata.
  • Anonimo il 06/10/2014 09:34
    Astro abusato negli scritti ma pur sempre efficace. Unito al tuo sapiente verseggio riesci ad accenderla e spegnerla per ogni circostanza. Brava.
  • bruno guidotti il 06/10/2014 06:28
    Bella poesia, un ino alla luna, oramai come tu dici, violentata e conosciuta, ma per i poeti rimarrà sempre: Cosa fai tu luna in ciel...
  • Anonimo il 06/10/2014 06:26
    Ah... dimenticavo, si può sapere quale lago è?... magari lo conosco... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0