accedi   |   crea nuovo account

Il mondo del C

Comunismo
Capitalismo
Consumismo

Collutorio
Colino
Colabrodo

Como
Cuneo
Caltanisetta

Cacciavite

Le acque azzurre del fiume Yangtze dimenticarono tra fanghiglie rosse e escrementi di topo

l'Imperatore di giada

- la pura luce di una felicità celeste già data alla terra ma mai ritirata -

la barca di giunco affondò in un tempio dove tutto il mondo è paese


in un porto di ristagno situato sopra il mare

un Lama
divenne

soltanto la lama di un coltello a spalmare burro rancido su fette biscottate
e un "tsampa" d'orzo diluita nel tè

o
al minimo sindacale conceduto

il cocchio paludoso di uno sputo in un occhio

 

2
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • francesco contardi il 07/10/2014 07:30
    sembra che la "C" sia la consonante che governi il mondo...
  • Rocco Michele LETTINI il 07/10/2014 07:20
    Cuore cinico cammina... per un mondo in C che non trova CALOREEEEEEEEEEEE...
  • loretta margherita citarei il 07/10/2014 05:54
    ottime riflessione in versi, bravo cap

2 commenti:

  • Chira il 08/10/2014 09:10
    Ma che mi ha preso?! Mi sono fermata al titolo ed ho pensato: Vincenzo che scrive il mondo del "Cavolo... "?! Già, ma avevo pensato alla "parolaccia"...
    Chiara
  • bartleby il 07/10/2014 08:06
    Interessanti immagini poetiche, se posso dire cosa non mi piace, è la poetica del frammento (ma questo è un giudizio soggettivo). E manca un po' di musicalità. Comunque molto interessante.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0