PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dentro

Vi è il nulla dentro
agli uomini spenti.

Non sorridono mai,
ridono di bocca,
ma gli occhi nel buio profondo
ristagnano.

Non vi è nulla in quegli uomini.
Ricchi, senza saper di essere poveri,
si atteggiano e muoiono
freddi di cuore.

Eppure,
mi chiedo,
anche per loro il tramonto,
la luce del sole.

Non vi è nulla in quegli uomini
che spengono il sole,
solo superbia e tristezza.

Ed ora all'uomo che tenta,
o spera di spegnere
li fuoco che è vita dentro di noi,
sussurro all'orecchio:
dentro di te solo il nulla,
e la frase zampilla...
fuori dall'altro...
nel fiume del nulla.

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Emiliano Francesconi il 08/10/2014 11:31
    Io penso invece che anche nel peggiore degli uomini ci sia qualcosa di buono sotto le pesanti ceneri del suo odio!!!!! Lo credo veramente!!!! Uns aluto
  • Vincenzo Capitanucci il 08/10/2014 11:11
    Cesarone che gioia leggerti.. l'uomo passa metà del suo tempo a spegnere il sole.. per l'altra metà fortunatmente dorme.. c'è solo un attimo in cui una frase zampilla.. ed è Poesia... che ci salva dal fiume del nulla...

4 commenti:

  • Anonimo il 20/12/2014 20:28
    Un vuoto, nascosto, dentro di loro, vivi ma spenti. Bella descrizione!
  • augusta il 08/10/2014 12:36
    nulla d'aggiungere... 1 beso
  • bartleby il 08/10/2014 11:06
    mi ricorda una poesia di T. S. Eliot intitolata "gli uomini vuoti", in inglese "The hollow men"... c'è la stessa desolazione, anche se la poesia era riferita direi a tutto il genere umano, non soltanto ad una categoria come quella qui pubblicata
  • loretta margherita citarei il 08/10/2014 09:33
    sono morti viventi, sepolcri imbiancati, bella poesia, bentornato cesare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0