accedi   |   crea nuovo account

Fiore solitario

Era bello nella sua totalità,
senza scomporlo nei suoi dettagli.

Colpiva l'animo, come lo strale a ciel sereno,
provocando temporale.

Lampi e tuoni risuonavano
illuminando la calda sera.

Saette all'orizzonte
squarciavano cuori solitari
durante il cammino.

I viandanti inseguivano le proprie ombre,
il vento fischiava tra i rami delle vecchie querce
e gli abitanti del bosco si raccoglievano
in un silenzio assordante.

Si provava rispetto e timore
quando la natura tremava.

E tremando continuava a gridare
e intanto il vento portava via
quei suoni duri e cupi
lontano nella memoria
come ricordi di un sogno mancato.

Intanto la notte sfioriva.

 

2
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 09/12/2014 14:46
    Premetto che scrissi anch'io una poesia molto simile: MORTE DI UN CILIEGIO, piantato in giardino alla nascita di mio figlio. Mi sono immedesimata nell'autore la cui sensibilità delicata e chiara verso il bell'albero del giardino, l'intuizione della sua protesta per le disavventure provocate dal piccolo e per la solitudine in occasione del Natale, senza luci, senza palloncini. Solo, con le sue pigne secche. La varietà delle strofe la rende leggera e piacevole; Molto piaciuta.
  • frivolous b. il 08/10/2014 13:52
    davvero una poesia bella! Piena di immagini vive, colori, e sensazioni... complimenti assai!

4 commenti:

  • nicoletta spina il 12/10/2014 21:51
    Bella anche questa, trasmette la forza e la bellezza della natura e il senso di quasi impotenza dell'uomo. Hai dipinto con le parole... e questo è un bel dono
  • Fernando Piazza il 12/10/2014 19:04
    Ciao Fri, dici che questa è venuta meglio? Son contento che ti sia piaciuta... Sono ancora un po' arrugginito e non del tutto rientrato nel sistema. Per il momento toccata e fuga
  • Fernando Piazza il 12/10/2014 19:00
    Beh se lo dici così mi convinco davvero di esserlo caro Giacomo!!! Non so se definirla poesia questa, ma mi piace come suona e pertanto la lascio sotto questa etichetta. Sai che non sono bravo quanto te con le parole ma ci voglio provare ugualmente. Tu però continua ad incoraggiarmi così...
  • Anonimo il 08/10/2014 12:11
    Fernando poeta... e io che non ti ricordavo sotto questa veste. Alcuni versi di efficacia immediata anche per la bellezza delle immagini... ma qui è il contenuto che vale... holahola.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0