PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A nando orfei

Mi creo e ricreo
di follia e amore eternamente ebbro
tra voli che profumano di studiato rischio
e acrobazie disegnate
in nuvole di incandescente stupore;
esistere fu e sempre sarà
l'urlo del luccicare d'un fiero
sbarazzino tendone
dove scintillano sorrisi inviolabili di clown
ch'ancelle vere e mai dome sono
or di dolore, or di rinfrescante evasione.
Scorgerai, bambino di sempre e per sempre,
il mio ruggito di basalto
che fletter fa l'orgoglio delle tigri
alla scienza mai scritta del mio coraggio.
Nascosto è il fruscio
dell'esistenza autentica e indomabile
nelle fattezze ancestrali
di capriole e volteggi.
Grazie, fontane di sogni ammaestrati dall'aria,
per aver voluto essere anche miei,
perché padri e figli vi sceglieste,
di Nando Orfei.





--------------------------------------------------------------------------------

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/10/2014 07:18
    Un doveroso omaggio in fantastici versi a l'uomo simbolo dell'arte circense italiana.
  • Verbena il 13/10/2014 21:15
    molto bella, ricca di immagini che escono dall'anima del poeta che, nella fantasmagoria di luci e colori del circo, si elevano e divengono poesia. Complimenti.

2 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 14/10/2014 20:25
    Poesia bella, potente e pacata, in onore di un grande uomo che ha sognato e fatto sognare...
  • cristiano comelli il 13/10/2014 21:26
    Grazie Verbena, ricordo che giro a Nando Orfei e a quell'anima da giocoliere che permeerà sempre il mondo grazie a lui e a tutti i circensi. Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0