PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Caricami sulla macchina e vai

Caricami sulla macchina e vai
portami
senza chiedermi:
ma dove vai?
Questo inverno
è all'inizio dell'inferno
lanciami solo uno sguardo
e un caldo abbraccio
di sole neonato
mi regalerà il tuo sorriso
così carico di...



in tutti questi anni
io non ho fatto altro che annullarmi
era bello perdersi, sai?
Inventarsi una nuova faccia ogni volta
più corpi si sgretolavano sotto il mio
e meno ero io
così nella conta c'era sempre qualcosa che non tornava
uno zero,
un cerchio perfetto.
E gettami qualcosa addosso che adesso
ho freddo al cuore,
una pelliccia fatta di nudità,
che mi avvolga dentro,
che copra i miei spigoli più bui
quelle mie ombre così cariche di:
promesse
speranze
pretese
paure
domande...
caricami
caricami
sulla macchina
e vai...

 

3
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Fernando Piazza il 14/10/2014 18:45
    Hai trovato la tua coperta con queste parole e con questa arte che coltivi sarai sempre in bupona compagnia...
  • Emiliano Francesconi il 14/10/2014 17:41
    "E gettami qualcosa addosso che adesso ho greddo al cuore, una pelliccia fatta di nudita' che mi avvolga dentro..."!!!!!!! Una meraviglia, un saluto Frivolous
  • roberto caterina il 14/10/2014 16:31
    Disperata, disperante, ma non del tutto priva di fascino, descrive lo squallore, ma non è squallida, anzi riscalda un freddo cuore in cui è bello perdersi.

2 commenti:

  • frivolous b. il 17/10/2014 14:29
    ragazzi che bei commenti! Davvero grazie, quasi, anzi, non me li merito!
  • Vincenzo Capitanucci il 14/10/2014 16:01
    Molto bella Frivolus... come atmosfera mi ricorda il monologo di Bernard-Marie Koltés.. la nuit juste avant les forets... piove ho freddo.. ho gli abiti bagnati.. posso venire a dormire a casa tua... Ti prometto alle prime luci dell'alba andrò via senza farti problemi.. ma non lasciarmi nella solitudine della notte.. Ti ho seguito perché sentivo che ci assomogliavamo...

    ...

    Caricami sulla macchina e vai
    portami
    senza chiedermi:
    ma dove vai?
    Questo inverno
    è all'inizio dell'inferno
    lanciami solo uno sguardo
    e un caldo abbraccio
    di sole neonato

    ...

    in tutti questi anni
    io non ho fatto altro che annullarmi
    era bello perdersi, sai?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0