username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Taccia... deplorevole (Aforisma celebre e haiku)

Famæ damna majora (sunt), quam quæ æstimari possint.
Il danno fatto alla reputazione non può essere in alcun modo stimato.
(Titus Livius - Livy)

<=>

Sparla lo spiazzo.
Scendere, per fiducia
sèguita magra.

 

0
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 15/10/2014 21:37
    Vero è un danno irreparabile, benché sia anche vero che ciò che pensano gli altri di noi è affare loro...
  • Carmine Impagnatiello il 15/10/2014 13:25
    Io penso che la reputazione è come la merce che si acquista e poi si rovina se non è conservata bene. I cattivi sparlano a torto o a ragione, ma non lo so quale è il confine tra verità e calunnia.
    Imparo molto da queste massime latine e dalla sua cultura.
    Grazie assai.
  • AlfaCentauri il 15/10/2014 08:06
    NO, nn si perde alcuna reputazione se i danni alla persona sono fatti da gente infima; le quali chiacchiere contano meno della cacca.
    Chi conosce bene la persona e i calunniatori, sa tutto; spesso gli aforismi o le massime sono discutibilissime!

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 17/10/2014 04:50
    pare che chi abbia pessima reputazione ai nostri giorni abbia successo degli altri, giorno rocco
  • giuseppe gianpaolo casarini il 15/10/2014 09:38
    Sempre bravo nella scelta e nel connubio poetico
    un cordiale saluto
    ggc
  • Chira il 15/10/2014 07:47
    Perdere a ragione la propria reputazione è come la morte civile: nessuno più crede in te. Ma perderla a torto... per quanto uno possa urlare la propria innocenza si diventa invisibili e credo porti dolore immenso. Dell'argomento m'interessa sopratutto l'attentare alla reputazione altrui, fatta spesso solo di "chiacchiericcio" malevolo, infido, che distrugge più di ogni cosa e ce ne vuole di amor proprio per uscirne... Mi ricorda le penne che si spargono quando si calunnia... il vento le disperde e raccoglierle diventa un'immensa impresa. Buona giornata Rocco. Grazie!
    Chiara
  • roberto caterina il 15/10/2014 07:22
    Sì il danno fatto alla reputazione è irreparabile...
  • Vincenzo Capitanucci il 15/10/2014 07:07
    è senza prezzo... dei colossi sono crollati... per aver perso la reputazione..(mani pulite )

    Bravo Michele.. a volte lo spiazzo parla.. a torto e a traverso.. e spiazza.. e smagra..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0