accedi   |   crea nuovo account

26 maggio

Ed erano i giorni di una maggio lontano,
quando camminavi con me lungo una strada scura e calda,
E un sorriso ti tagliava il viso in mille, piccole, infinite ferite,
dalle quali usciva una luce intensa, e
vibrante nel tuo tremare.
In quei giorni di un maggio lontano, eravamo amiche.
Poi, un rumore di passi, un silenzio
e una voce,
e una pausa infinita in un turbinio di vuoti.
Poi, più nulla.
Ed in quei giorni di un maggio lontano,
Io e te, vedemmo il sole, piangere le sue stelle.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Chira il 02/01/2015 14:05
    Non so, è un brutto episodio accaduto a due amiche che torna a far male.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0