PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Falò

Il vento crea dei cumuli di foglie,
staccandole dai rami,
facendole volare
e poi posandole...
E quando avra' taciuto il suo boato,
io, sacerdote dell'antico rito,
incendiero' la pira dei ricordi...
Sogni e illusioni che,
almeno in fumo, rivedro' volare.
E sara' bello, in un giorno d'inverno,
scaldarmi al fuoco dell'estate che brucia,
anche alimentato dalla rabbia
del niente che rimane,
esorcizzando il domani.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 17/10/2014 05:32
    Stupendo ritrovarsi nel calore d'un fuoco estivo per alimentar speranza al domani che verrà... Una felicità rileggerti...
  • Verbena il 16/10/2014 20:53
    Un fuoco estivo in un giorno d'inverno: bella metafora di un calore che può giungere improvviso ogni giorno, ad ogni stagione. Versi molto delicati e sciolti. Apprezzataa

1 commenti:

  • Chira il 14/11/2014 08:25
    Bellissima l'immagine della pila dei ricordi che bruciano... e la speranza del domani migliore. Alcuni ci riescono a fare tabula rasa di ricordi spiacevoli o meno... questioni caratteriali. Un saluto.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0