accedi   |   crea nuovo account

Trittico:mancanza

La prendeva tutte le notti saziando la fame del suo corpo,
eppure gli mancava sempre qualcosa.

La cercava a tutte le ore coprendo l'astinenza della mente,
tuttavia gli mancava sempre qualcosa.

Si impadroniva tutti i giorni dei suoi pensieri dissetando l'arsura dello spirito,
ma gli mancava sempre qualcosa.

La voleva tutti i momenti a sé scavando l'aridità del cuore,
nondimeno gli mancava sempre qualcosa.

La desiderava in ogni tempo e luogo cercando di dominare e possedere la libera anima,
sebbene gli mancasse sempre qualcosa.

Percepiva, pur vedendola sempre al suo fianco, l'assenza della sua presenza:
mancava sempre qualcosa!

Mentre lei lo sognava ogni notte e lo dimenticava ogni mattina,
pur standogli vicina.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 17/10/2014 14:48
    non male, ha un buon ritmo, ottime intuizioni... inoltre ha una vaga atmosfera da favola, forse, perchè no, noir, che non mi dispiace affatto!

1 commenti:

  • Fernando Piazza il 18/10/2014 15:48
    Che strani tipi siamo. Del trittico questa è quella che io ritengo la più "debole" eppure tu ci vedi delle potenzialità!!! Questo dimostra come il nostro sentire sia la cosa più strana e difficile da capire o interpretare, ma anche ciò che ci rende così singolari nella diversità... Come sempre ti ringrazio del tempo che mi dedichi, caro Fri

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0