PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amico mio handicappato

Esci di casa al braccio della mamma,
saluti a capo chino, l'occhio vuoto
orlato dalle grinze, e con la flemma
parli ridendo e senza fare moto.

Poi silenzioso mandi un bel bacino;
su smorte labbra fermi il tuo sorriso
che par nel volto ingenuo, birichino,
invece è lo stupore del tuo viso.

Ogni volta commuove il tuo candore;
osservo disarmata il volto roseo
e sei tu che mi riempi del tuo amore.

Invadi dolcemente chi ti guarda,
l'anima accartocciata, e il cuore estraneo
che prima compatisce e poi ti scorda.

Non sei amata, errata creatura,
ti aggrappi alla tua mamma indifferente,
a lei che sola t'ama a dismisura
e che non ti abbandona un solo istante.

Conoscerti è dolore per l'atroce
errore che Natura madre ha fatto;
or tutti noi gridiamo con gran voce:
la tua innocenza deve aver rispetto.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/10/2014 08:46
    Solo rispetto e tanto calore... per quest'anima che si preenta nel suo candorer... Profondo verseggio Ver...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0