username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nella valle

Soffici laggiù, rosee nuvolette
orlate d'oro all'ora del tramonto;
in questa valle ormai io ho perso il canto
e navigo nel vento a braccia strette
sorvolando la valle.

Sento rumor di fronde secche e gialle
In questa sera uggiosa di novembre;
vorrei vagare senza lasciare ombre
alle mie stanche, curve, sobrie spalle,
piegate d'amarezza.

Mi lascio dare un bacio e una carezza
dal mio destino ignoto e senza meta;
fruscia e mi veste l'abito di seta
che il tempo ha ricoperto di corazza
in tutte le tempeste.

Sento suonar campane delle feste
per le anime che abbiamo tanto amato;
incolmabile vuoto hanno lasciato
a loro diciamo dolci e meste
parole di compianto.

E tutti insieme andremo al camposanto
con dentro il cuore tanta nostalgia;
la vita ha perso tutta l'armonia
dell'amore vissuto come un canto
di voci melodiose.

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Carmine Impagnatiello il 19/10/2014 14:10
    Canti, odori e suoni fanno parte della vita e mi piace ricordare che andremo tutti a riposare dove la vita non può arrivare.
    Bella assai.
  • Rocco Michele LETTINI il 19/10/2014 09:04
    Ritornare al passato... ritrovando antichi amori... puri... veri... E la valle delle lacrime si pregna del nostro indefinito affetto... Encomiabniole Ver... Serena Domenica.

4 commenti:

  • danilo il 19/10/2014 18:45
    Bava, ogni tua frase è un immagine..
  • Verbena il 19/10/2014 08:18
    a Vincenzo: correggo: Spero di esserti stata utile! Mi è rimasta mezza frase nella penna.
  • Verbena il 19/10/2014 08:16
    Se la tua opera la vuoi scrivere in versi deve avere una musicalità, si deve distinguere dalla prosa proprio con questa forma di composizione ritmica, organizzando i contenuti andando a capo come meglio ti piace ma in modo armonico. Spero di esserti. Grazie per le tue belle osservazioni alla mia poesia.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/10/2014 04:33
    Nella valle delle lacrime... abbiamo perso il canto..
    ...
    Molto bella Verbena... non amo molto la poesia in rima.. mi fanno sempre pensare a nuvolette strette.. ma le tue sono molto libere.. non forzate.. molto belle..
    ( a volte io amo una poesia prosaica.. con versi molto lunghi.. tanto da non essere più versi.. ma veri discorsi )

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0