username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La primula bella

Una distanza di sogno
sempre
è stata tra ciò che ero e ciò che avrei voluto
che fossi. Intrisi di lucida sensibilità
gli occhi miei apparivano a chi
mi guardasse dal buio come nebbie
fitte
di un porto sepolto. Per questo,
non ero in fondo mai ciò che ero
ma ciò che gli altri credevano che fossi.
E alla fine me ne son convinto anch'io.
Non sarei mai stato la primula
bella che sognavo di essere. Soltanto,
una triste campanula bianca
sotto una scrosciante pioggia d'amianto.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 23/10/2014 13:51
    ma va là che tutti i fiori so belli... e a parte gli scherzi: come ti capisco! Poesia bella assai!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0