accedi   |   crea nuovo account

Cenere

Solo cenere intorno,
un deserto di disperazione,
di miserabile afflizione.

Dardi bollenti al cuore,
al viso, alle gambe e alle mani.
Ovunque un ridondante scroscio
di depravazione.

Tu, sai di aria infetta
che mi soffoca con la paura di respirare.
Tu, sei un crampo alle gambe
che mi impedisce di camminare.

Tu, non mi uccidi
ma mi blocchi la vita.

E mi sento come un accendino scarico
le mie scintille schizzano via affannate.
E il mio desiderio di vita
vede una lacrima rosso sangue rigarmi il viso

E tu, pingue e felice
ti crogioli nella tua beata perversione.

Poi un fioco bagliore illumina l'orizzonte.
C'è bisogno di guardar lontano,
oltre la fetida nebbia,
lì dove l'aria è più fresca.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 23/10/2014 15:02
    Immensa la quartina di chiusa... che apre a nuove atmosfere.

1 commenti:

  • Patrizia Cremona il 23/10/2014 18:00
    ordine quotidiana racchiuso in un'infinita poesia... mi piace