accedi   |   crea nuovo account

Paradisi affrescati

Chi nasce
all'inizio dello Scorpione
sa che non c'è nessuna Bilancia
che tenga.
Il mondo è ruvido come l'affetto
ed è per pochi
ma la fine è ancora lontana e
c'è spazio per un lungo volo
sbilenco da ammirare
in silenzio.

Solo sfugge il riserbo
alle parole dette
senza freno
e l'acqua accoglie la luce
e la voce dà ai colori
il loro giusto splendore
Senza suoni l'indaco perde per sempre
la sua traccia di remote carovane
e polverosi viaggi
e il rosso la regale maestà
di un canto che giunge
dagli abissi del mare.

E così l'amore talvolta
è non inseguire i fuggitivi
del Cielo
ma
mantenere la fiducia
data dall'intelligenza
di paradisi affrescati.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/10/2014 16:44
    L'abito non fa il monaco... e la vita offre tanti risvolti senza credere agli orpelli. Come è dura da accettare la verità!
    Un testo di pregio.
  • Rocco Michele LETTINI il 24/10/2014 10:39
    Paradisi affrescati... una metafora che invita a riflettere...
    A volte ci si trova in articoli di bigioterria... splendenti... e falsi...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0