username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non sei morta invano, dolce Reyhaneh

Hanno gettato al vento
il tuo velo insanguinato,
hanno sepolto il tuo sorriso
con ghigni feroci e irriverenti
per punire il tuo coraggio.

Porti con te la tua giovane forza
di donna dignitosa e fiera
tu che hai gridato al mondo intero
che il tuo essere persona
vale più della tua vita.

Lunghi anni nel buio di una cella
non ti hanno fatto piegar la testa,
non hanno ridotto al silenzio
la voce di chi accusa con furore
la viltà e l'arroganza di uomini malvagi.

Ora che quella cella è vuota,
ora che non vagan più
nell'aria chiusa e soffocante
i tuoi pensieri di giovane ragazza,

ora che il tuo letto è freddo
come la terra che ti accoglierà

ora, proprio ora, tante
giovani ragazze come te
ti stanno ringraziando
per aver dato un senso
ai loro sogni d'amore ed onestà,
per aver infuso coraggio nei loro
cuori assetati di giustizia e verità.

Non sei morta invano, dolce Reyhaneh,
perché ogni goccia del tuo sangue
germoglierà nel cuore e nelle vene
di chi combatte contro ingiustizia,
prepotenza e stolida ignoranza.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • VINCENZO ROCCIOLO il 27/10/2014 17:29
    Non ho potuto fare più di questo, Vincenzo... e ne sono molto addolorato... Quanto tempo dovrà ancora passare, quante donne dovranno essere ancora stuprate ed ammazzate, prima che gli uomini si rendano conto della loro follia e della loro crudeltà???
  • Vincenzo Capitanucci il 27/10/2014 17:16
    grazie Vincenzo.. a nome Suo.. non posso dirti altro che grazie..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0