PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il lamento del mare

Schiuma irato il mare
nell’onda aspra
che s’infrange alla riva.
Un sordo muggito,
il lamento infuriato
di un Nettuno
non più dio
né mai mortale,
dacché la superbia
dell’umana specie
irride il suo nome.
Ci fu un tempo
che i naviganti
gli rivolgevan preghiere,
a lui s’affidavano nei viaggi,
epoche ormai dimenticate
da poveri dementi
che tutto e niente sanno.
Sopra l’onde corre il canto
di chi nei tempi
è stato accolto nelle braccia
di un dio che nessun più vuole.
È una melodia di risacca,
di voci che vanno e vengono,
un gorgoglio che sale dal fondo,
una nenia accorata di umidi spiriti
che sciolgono in pianto
la fine del loro mondo.
Nella tempesta cessata
sull’onda che rallenta
prende il volo un gabbiano
verso orizzonte
dove acqua e cielo si mischiano
e un sogno continua lontano.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Kiara Luna il 11/10/2008 18:39
    È una melodia questa visione della vita. Bella complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0