username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'emancipazione

È tutto nu fatto d'emancipazione
da quando nasci,
pe ascì da fessa e mammeta,
fino a quando iesci,
cu nu cuorpo fraceto.

Guardati attuorno
statte accuort
e fili e fierro ca t'arravogliano
e a chi ride pe na storta.

Arape chella porta
e scinne e scale
ca ò viento sosscia
a chi tene ciorta
e non a faccia moscia.

Eppure ò scemo va evitato
cu chella indifferenza
se comporta na samenta,
nun se passa maje a mano ncoppa a cuscienza,
nun essere clemente,

Vesto stu foglio
cu l'anima annura,
frastaglio stu suonno,
ora libero,
comme ò chianto e na criatura.

L'emancipazione
è chello che ancora nun veco:
'na vita senza pesone
ammore é tutte é culure
e culure cà nun anna fa distinzione.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 29/10/2014 07:31
    UNA SEQUELA STUPENDAMENTE ARTICOLATA.

1 commenti:

  • AlfaCentauri il 29/10/2014 08:02
    magari la "traduzione" mettila a commento; chi nn mastica per niente il sud... ehm... farà fatica!
    BELLA E PROFONDA ANCHE QUESTA.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0