accedi   |   crea nuovo account

... e morirà anche il poeta

Morto!
È morto lo spirito di osservazione,
il cogliere gli attimi belli,
ed anche quelli brutti,
nelle situazioni
che la quotidianità
sciorina ad iosa
nello scorrere di vita.

La Indole
ha dismesso le vesti
intrise di umiltà,
asciugatesi
alla fredda fiamma
della tracotante spocchiosità.

Il Cuore
è divenuto
un monotono regolatore
di flussi liquidi,
non più vettori
di emozioni,
gelosie, passioni.

La Anima,
scevra di sostentamento,
appassita, svogliata,
dislessica,
rintanata
nello Io profondo,
ha riposto le ali.

Ed io?
Nello infinito perso
per non morir domani.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/10/2014 17:44
    Un bel poetare davvero, un laudo sincero quindi per questa tua eccelsa.

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 30/10/2014 14:32
    A forza di dover accumulare cose per sopravvivere actimel.. listerine... Ezio.. ci siamo coseificati.. e ficcati in un brutto guaio.. e solo pedalando nell'infinito possiamo trovare.. un ultimo colpo d'ali.. per non morir... domani..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0