PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guarda la tua paura

Guarda la tua paura,
la fragilità che non vuoi ascoltare,
l'odore della tua impotenza,
i cristalli di nebbia, la tua incertezza,
la neve della tua precarietà,
così maldestri, impacciati, presuntuosi,
impara il loro scabroso alfabeto.
Cammina assieme a loro
senza vergogna o imbarazzo.
Sfiorali con le labbra che hanno dita
capaci di disegnarne i contorni,
le radici amare della tua irresolutezza.
Hai solo un modo per andare avanti
verso il mezzogiorno della tua pienezza.
Abbracciali e amali come le frange timide
dei tuoi "non posso", "so solo sbagliare",
i cataloghi spezzati delle tue delusioni.
Abbracciali e accarezzali
come gli sfortunati fratelli della fiducia,
patetiche e balbettanti ombre,
ma sempre carne viva del tuo cuore.
Lo spavento turbinoso è l'alleato
che può tracciare la via verso il coraggio.
L'errore che rosicchia perfido le ali
è il tirocinio indispensabile per ritrovarti.
Cammina con loro al tuo fianco.
È come stare in compagnia
di un bambino timido e tremante.
Tu gli puoi dare un poco della tua forza,
lui può ricordarti cos'è la meraviglia.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 31/10/2014 12:05
    Non abbandonare le Tue ombre.. in loro c'è la forza.. Molto bella Sergio.. aprile a Meraviglia..
  • eurofederico il 31/10/2014 12:05
    bella, profonda e delicata!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0