PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anche nei cilindri a stantuffo c'è un coniglio bianco

Quando
uscito dal suo ristorante preferito
vide un elefante inseguire un caribù scambiandolo a causa delle sue corna per un filobus
ed una bambina elettrizzata dal suo cuore dar fuoco al pelo di un vecchio gatto siamese

capì di stare veramente male

Venere
la sera della sua nascita aveva indossato sicuramente abiti "luciferini"
e in vene nere
si era ingoiata maldestramente un fornello a spirito pensando che fosse uno spiritello chiaroveggente

da quanto tempo non ascoltava altro di sé e si fidava nell'atrio del pensiero dando ragione ciecamente ai suoi sensi

ora si sentiva incastrato in un mondo a forma di anfora e di incudine come l'immagine di una metafora trasposta in un martello di similitudini

metà dentro di testa e metà "fora "di piedi

per scovare miniere d'oro

- mentre una formica passeggia sul mio schermo taciturno di luna cercando il canto di una cicala prima che venga il turno affamante e diffamante di un inverno moribondo-

bisogna guardare la realtà materiale delle montagne e l'irrealtà spirituale delle persone con altri occhi

essere presenti al presente qualunque esso sia
però
in trascendenza a percezione simbolica

se no finiamo in un linciaggio collettivo

Da quel giorno non fu più disoccupato
aveva trovato un magico lavoro a ore

- contratti e contatti più lunghi ormai tra gli esseri umani non esistono più -

un frac ed un colletto nuovo

il prestidigitatore
di un farneticare sconnesso

l'unico
a poter tirar fuori un uomo ancora vivo

dal cilindro di un coniglio a stantuffo

 

4
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/11/2014 12:14
    Piaciuta ed apprezzata, seppur, secondo i miei gusti un po' troppo lunga.
  • Rocco Michele LETTINI il 04/11/2014 07:38
    ... bisogna guardare la realtà materiale delle montagne (L'ALTO CHE PORTA AL CIELO ALLUDENDO ALLA PERFEZIONE) e l'irrealtà spirituale delle persone con altri occhi (IL PICCOLO CHE PRECIPITA NEGLI ABISSI ALLUDENDO ALLA MANCANZA DI BONTA' TERRENA)... E POI CI AFFIDIAMO AL FARNETICARE SCONNESSO DI un
    prestidigitatore ILLUDENDOCI CHE POSSA ESSERE IL NOSTRO SALVATORE... che possa poter tirar fuori un uomo ancora vivo...

    UN FORGIATO DA FATE E... STUDIOSO E ATTENTO OSSERVATORE DE LA QUOTIDIANITA' INCERTA... SERENA GIORNATA VINCENZO.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0