PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lamina d'Amore

Lei era il suo centro la sua periferia il suo orizzonte
il suo spazio ristretto e il suo immenso infinito
per quanto potesse allungare il passo delle braccia ed anche se avesse camminato per un giorno o per un anno intero senza mai fermarsi

lui rimaneva sempre in Lei

Lei era in ogni cosa che toccava di legno di marmo
in lembo di foglia
era posata sul tavolo di ogni volto

Lei era lì

da sempre era lì e non conosceva autunni

senza di Lei la vita non aveva senso sarebbe stato un giorno di primavera senza il profumo di un fiore una casa senza una donna e bambini a giocare in giardino o un ruscello senza più acqua di fonte

Lui le apparteneva

Lei era il suo oltre

ma quando le sue assenze
di anni scomparsi in un nulla di fato
divennero più numerose delle sue presenze

avendo sentito parlare di un luogo incantevole
di una natura sebbene ridotta ai minimi termini
di mari trasparenti di sabbia e fiori di sole propizi al vivere semplice dell'uomo
di un popolo facile ai giochi d'amore
dove il più grande dolore della vita veniva vissuto come l'infrangersi di una piroga su un mare di smeraldi

decise
di prendere un aereo per lasciarla il più velocemente possibile

l'unico risultato che ottenne fu di vedere il suo corpo da una visione più alta
le sue catene montuose oh Suzie Q i suoi fianchi innevati di alberi a cuori di susine blu come i suoi mari e rossi come i suoi vulcani

le sue interminabili gambe aperte lunghe a ventaglio distese e arricciate in un grembo di colori arcobaleno


e se si nascondeva per un attimo dietro ad una nube riappariva subito in
raggio di sole o in chiaro di luna

12

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 10/11/2014 21:27
    Che sia una illuminazione poetica? per quanto mi riguarda si, la ritengo bellissima... sublime Vi... molto bella...
  • Don Pompeo Mongiello il 10/11/2014 13:54
    La lunghezza la rende tediosa, la forma e lo stile la salva da farla amabile al fine.
  • Rocco Michele LETTINI il 10/11/2014 07:48
    Lui rimaneva sempre in Lei
    Lei era lì Lui le apparteneva
    Lei era il suo oltre

    Versi che portano a sognare un affetto sincero... una dolce favola d'amore eterno... Fantastico il tuo sequelar...







1 commenti:

  • karen tognini il 10/11/2014 12:43
    Fantastica... tra fantasia e sogno...

    Davvero sublime

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0