PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Clochard

Un giorno di Novembre,
sotto un cielo impazzito
cammina infreddolito,
tremante batte i denti.

Con gli occhi asciutti e supplici
s'appoggia a un muro bianco,
tende la mano stanco
prima che s'addormenti.

Disteso sulla terra,
un sonno senza sogni
nasconde i suoi bisogni
tra l'ulular dei venti.

In cielo ai primi albori,
un raggio luminoso
scalda il suo cuor ritroso,
e gli occhi sorridenti.

Si intenerisce e piange,
risplende il bel mattino,
ricorda San Martino
e i suoi begli anni venti.

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/11/2014 08:10
    San Martino... il Santo che dona calore... E il tuo verseggio lo chiede per un sorriso in chi soffre... e vive una quotidianità di stenti...
  • Vincenzo Capitanucci il 11/11/2014 06:57
    tra ulular dei venti.. i suoi begli anni venti... molto bella Verbena..

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0