PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dalle vaghe stelle dell'orsa ai vaghi momenti di quiete

Il tempo sornione della sera,
lo scalpiccio di suole
sull'asfalto che inargenta
al baluginare del lampo,
l'Urlo capriccio
e volti distorti da voglie,
inespressi e confusi desideri
sempre volti a un ieri,
che oggi non soddisfa.

 

l'autore silvia leuzzi ha riportato queste note sull'opera

VAGHE STELLE DELL'ORSA - verso d'incipit tratto da Le Ricordanze di Giacomo Leopardi


2
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 15/11/2014 13:05
    una poesia che affonda nel passato, ma parla del presente... affascinante!
  • Rocco Michele LETTINI il 13/11/2014 14:48
    Ieri... è gia passato... è storia che insegna a migliorare e nutrire fiducia in un presente che non soddisfa... Stringere i denti e sopportare l'amarezza... il buono potrebbe essere inaspettatamente alle porte... Straordinaria Silvia...
  • Glauco Ballantini il 13/11/2014 14:25
    Leopardi, certo, ma anche Visconti e Valerio Zurlini de "la prima notte di quiete" di vite che si lasciano vivere...
  • Luca il 13/11/2014 08:50
    Guardare sempre avanti e mai a ieri

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 15/11/2014 15:31
    Grazie Fri, tu apprezzi la zia e non è poco de sti tempi. Ciao ciao
  • silvia leuzzi il 13/11/2014 20:59
    Grazie Rocco bellissimo commento e grazie anche a te Glauco, sono veramente contenta che abbiate apprezzato
  • silvia leuzzi il 13/11/2014 10:30
    Grazie Luca e soprattutto grazie a te Vincenzo sono felice vi sia piaciuta
  • Vincenzo Capitanucci il 13/11/2014 08:52
    Bellissima Silvia.. piaciuta tantissimo..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0