PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Presunzione

Mi stavo riprendendo
sembravi svanito...
ed ora mi hai rimorso
iniettando dentro me
ancora un po' di te.
Istinto primitivo,
ora che mi hai dominato
va' via...!

Va' via...
non farmi ghermire
come un rifiuto
da dover gettare,
in fondo
sono una persona
con sentimenti
veri e vari.
come...
il pentimento,
l'arroganza,
l'indifferenza
e la presunzione.

La mia presunzione
È una giustizia
Non convalidata
Nei confronti della vita.

La mia presunzione
È una verità
Che mi rende
Un po' bugiardo.

La mia presunzione
Mi rende scettico
Nei confronti
di chi... come te
ha donato
Il suo cuore
a dio.

La mia presunzione
mi ha lasciato
come compagnia
solo l'io.


Col quale
scherzo
leggo,
scrivo...
canto
ballo...
vivo.

quando sono tra le gente
per non sentirmi perso
parlo con me stesso.

Mentre cammino
tra la folla
alcuni si girano
incuriositi guardano...
Non capiscono,
mi chiamano
pazzo.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/11/2014 14:06
    La follia da confondere con la saggezza? O la follia che emargina dai falsi saggi? Letto per riflettere.

1 commenti:

  • Ellebi il 18/11/2014 01:24
    Bravo, composizione drammatica quanto basta, a tratti solenne, sincera confessione di un peccato, quello, appunto, della presunzione. Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0